Intimità

toccare“Fra me e me”. Come per dire nell’intimo, nella parte più nascosta di me stesso, inaccessibile a chiunque altro. Come se quest’espressione – l’intimo – significasse questo.Poiché fra me e me, in ciò che si pensa essere un monologo e che Platone dice essere l’essenza stessa del pensiero, accade un mondo. Fra me e me, ovvero nella frattura che m’interrompe, che mi sospende, che mi smaglia, e mi estende.

Ciò che mi sospende è l’esposizione dell’io, ovvero la sua intimità con il mondo, anteriore a ogni intimità.

Questa considerazione, che può sembrare un arbitrario balbettio, pone in una luce diversa proprio ciò che chiamiamo intimo. Intimo significa più dentro: è addirittura un superlativo, il superlativo di intus. Indica ciò che sta più a fondo, il risultato di una penetrazione immane che tocca la radice di noi stessi. Ciò che ci tocca nel profondo. Il che vuol dire che quest’ultimo, per quanto profondo sia, affaccia sempre fuori.

Annunci

~ di ariemma su gennaio 7, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: