Materiali per il Trip filosofico di questa sera: Leonardo Da Vinci e la Chirurgia Estetica

Immagini:

fasciculusvesaliorembrandt

 

 

 

Link:

Leonardo Da Vinci

Gaspare Tagliacozzi

Annunci

~ di ariemma su gennaio 31, 2009.

4 Risposte to “Materiali per il Trip filosofico di questa sera: Leonardo Da Vinci e la Chirurgia Estetica”

  1. peccato non esserci, ma è un po’ lontano…
    in bocca al lupo
    m.

  2. Volevo chiederti – ieri poi, è mancato il tempo per farlo – una cosa.
    Tu dici che “noi ci schifiamo”, viviamo in un’epoca in cui non si esalta l’immagine del corpo, ma la si umilia. Ragion per cui non viviamo nel “trionfo del narcisismo”, bensì nell’umiliazione di noi stessi.
    Potrei anche essere d’accordo, però mi chiedo: chi vive dando all’immagine del corpo un’autentica e ineliminabile importanza rivela sempre e comunque un narcisismo costante, presente.
    L’umiliazione, forse, è di chi prende consapevolezza del suo senso di “estraneità” rispetto alla moltitudine che lo circonda e vive secondo quel paradigma.
    Difficilmente potrei dire che chi osa ostentare il suo corpo “si schifa”, anzi direi piuttosto che egli “vive autenticamente se stesso”.
    Io,invece, dall’esterno ricavo la “sensazione” della sua inautenticità, per cui restituisco alla mia conoscenza “un’immagine opposta”, diversa, traslata.
    Non pensi che il “vero umiliato” sia chi tenti di uscirne fuori, chi voglia vivere “al limite” e non chi, invece, si ama a tal punto che ha scelto un sentiero che – forse – per altri è sempre interrotto o impercorribile?
    Grazie e complimenti per il tema di ieri sera, presentato con molta cura e competenza.

  3. @ Mario. Grazie davvero del pensiero. La serata è andata benissimo. Il modello trip filosofico dovrebbe essere esportato:)

    @ Michele: quando dico che noi ci odiamo, intendo tutti, anche quello che si chiama narcisista. Anzi, costui è il più insicuro, il più frangile, chi si odia di più, e che odia di più.
    Oggi si esalta (tu dici “non” si esalta, e non posso eessere d’accordo:)) l’immagine del corpo, e, come dicevamo al trip, l’immagine “normale”, a regola d’arte. Esaltare questa immagine del corpo umilia qualsiasi corpo. Perchè tra il corpo e “l’icona” ci sarà sempre un abisso: il corpo invecchia, ingrassa etc. Il narcisista, amando la sua immagine, non può che odiarsi perchè il suo corpo non regge l’immagine ideale. Da qui un disgusto diffuso. Una cattiveria generalizzata. Cattiveria nel senso autentico del termine: captivus è il prigioniero, in questo caso di sè, e che cova dentro il sentimento più comune del prigioniero: l’odio. Non so se la posizione è più chiara così, almeno per quello che è emerso ieri sera. Grazie per i complimenti, e spero di vederti sempre agli incontri. L’ambiente è assai bello.

  4. Che frustrazione di non trovarmi a Napoli e partecipare a questi trip! Purtroppo, dovrei intraprendere un viaggio appositamente…chissà, forse una volta o l’altra lo farò.
    Ti volevo segnalare un libro, non di sola filosofia, ma anche di filosofia, che ho recentemente dato alle stampe, dal titolo “L’ideologia verde. La rivoluzione necessaria”.
    Notizie sul mio blog. A presto, Enzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: