Nettuno ci può giudicare. Su chi uccide per passare il tempo

Commenti a caldo sui ragazzi di Nettuno che hanno dato fuoco al barbone. Non condivido affatto quest’analisi fatta su Repubblica. Inutile dire che non condivido nemmeno le ricette pronte e le minestre scaldate che la psicologia o la sociologia recuperano di tanto in tanto. Sempre le stesse cose. Penso piuttosto che la questione vada affrontata proprio dalla filosofia. Che quello dell’odierno odiarci sia qualcosa che riguardi in primo luogo la filosofia.

Invece muti, i filosofi. E quando parlano, beh, si stava meglio prima, perchè oggi  non fanno che parlarsi addosso. Non hanno presa diretta sulla realtà, soprattutto in Italia.  Un episodio del genere, per esempio, dovrebbe mettere in allarme soprattutto la filosofia. Questa infatti, lungi dal signifcare “amore del sapere” (che non vuol dire nente in verità) significa piuttosto l’inverso: un sapere dell’amore, o meglio – per essere più fedeli al prefisso greco “philia” – un sapere dell’amicizia. Un sapere che ha a cuore, al suo cuore, un sentimento: l’amicizia, lo stare bene con l’altro, con gli altri.

Ciò che è accaduto a Nettuno indica la mancanza, un vuoto, di ciò che le sta più a cuore. Altro che nichilismo. Siamo nell’epoca della cattiveria diffusa. Cattiveria nel senso pieno del termine: “captivus” è il prigioniero, come pure colui che nutre i sentimenti titpici di chi si trova in questo stato: viltà, risentimento, etc.  Siamo prigionieri di noi stessi e odiamo gli altri. Ci disgustiamo. Quando dico che odiamo “noi stessi” l’espressione dice sia l’io che gli altri. Il senso dell’amicizia verso l’altro è andato perduto. Innanzitutto a causa dell’odierno “culto della sicurezza” che è criminogeno, e che ci spinge a diffidare sempre più degli altri, a chiuderci dentro, a “rintanarci”. Siamo tutti diventati delle bestie, chiusi nelle nostre tane, o a spasso, come predatori. Senza sapere di essere prigionieri, in un modo o in un altro. Cattivi.

Annunci

~ di ariemma su febbraio 2, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: