Quasi amici, ovvero il segreto dell’amicizia

Nell’epoca in cui Facebook ha reso tutti “amici”, vale davvero la pena vedere questo film stupendo. Capirete che cos’è l’amicizia. La storia racconta di un improbabile legame che viene a crearsi tra un ricco imprenditore, rimasto paralizzato, e un povero ragazzo di colore con precedenti penali, assunto come suo “badante”. Rispetto agli altri candidati a tale lavoro, lui è il meno adatto a stargli vicino. Ma proprio qui si nasconde il segreto della loro amicizia. L’uno riuscirà a far viaggiare l’altro(in tutti i sensi) .  Amico non è chi ti “sta vicino”: questa è una visione “ospedaliera” dell’amicizia. Vicino può starti anche chi indossa un camice (dettaglio che risalta nel film). Il vero amico non è chi ti sta vicino, ma chi riesce a portarti lontano. Lontano dai tuoi pensieri, dal tuo ambiente. Chi ti strappa al tuo destino.

~ di ariemma su marzo 3, 2012.

7 Risposte to “Quasi amici, ovvero il segreto dell’amicizia”

  1. Qquesto dovrò proprio vederlo…non mi sono ancora fatta un giudizio completo in merito al concetto di amicizia.
    sempre bello il tuo entusiasmo, Tommaso🙂
    Buona domenica !

  2. Buona domenica anche a te Carla! Vai a vederlo non te ne pentirai!

  3. sto icominciando a non credere quasi più nell’amicizia.le persone che sembrano più simili a te finiscono per deluderti,mentre invece ,quelle che senti meno vicine finiscono per sorprenderti…………

  4. il messaggio del film è anche questo…

  5. Visto ieri sera, bello bello bello!
    la cosa che più mi è piaciuta è stata la sdrammatizzazione di un problema così grave come può essere la paralisi quasi completa…è essenziale l’apertura verso la vena umoristica tipica degli amanti della vita, altrimenti sabbe troppo greve la sopravvivenza.
    ho ascoltato volentieri la bella musica e ammirato i bei quadri
    senza l’amico nero Brise l’esistenza del protagonista sarebbe stata triste
    per questo credo che il vero protagonista sia Brise🙂
    ciao Tom, un abbraccio!
    c.

  6. Sono contento che ti sia piaciuto. Hai ragione, il vero protagonista è Brise, ma anche una certa Parigi…

  7. mai sentita una così prorompente voglia di vivere!! Avrei voluto prendere (anzi, rubare) anch’io la maserati di un mio amico e spararla al massimo con la musica a palla… Stupenda esperienza di vita e grazie a chi l’ha condivisa facendo il film.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: