The Words

Ho visto The Words qualche settimana fa. Vedendolo, mi sono ricordato della mia regola d’oro cinematografica: i film migliori sono quelli che non vengono pubblicizzati molto, quelli che richiedono un cercare e uno scrutare da parte dello spettatore. Quelli che non sono accompagnati da clamore, dall’ansia dell’uscita. In questo blog, del resto, ho sempre recensito questo genere di film. The Words è intenso, come intense sono le parole di un buon romanzo. Come un buon romanzo, non è quasi mai quello che ti invitano a comprare. Come un buon romanzo, ti capita di incontrarlo quasi sempre  per caso. Ecco, vedere The Words è stato un vero e proprio “incontro”. Come quello del protagonista, che trova per caso il miglior romanzo che abbia mai letto, abbandonato, perso. Parole che grondavano vita, parole non sue e delle quali si approprierà. Bisogna ricordarsi di questo: quando le parole divengono arte, viaggiano, migrano, ma restano ancora invischiate a quelle gioie e a quei dolori da cui sono nate, con una sublime colpa verso ciò che non le accompagna più. “Mi dispiace”, dice ogni verso, ogni pagina, verso quelle cose.

Annunci

~ di ariemma su ottobre 5, 2012.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: