La fortuna di Breaking Bad

aaronbrekingbad

Superiorità della trama o splendore dei personaggi dickensiano? In “Telerivoluzione” di A. Sepinwall (in verità un testo un po’ scadente per le analisi, ma utile archivio di gossip sulle serie tv) si legge a proposito di Breaking Bad: “Il suo proposito originario [di Gilligan, autore della serie] era stato uccidere Jesse entro la fine della prima stagione […] ‘Ma la performance di Aaron Paul’ – racconta l’autore – ‘ mi convinse quasi subito a mettere da parte quell’idea’ “. Sepinwall ammette inoltre (p. 438) che il celebre sciopero degli scrittori e sceneggiatori fu provvidenziale. Breaking Bad chiude con due episodi di anticipo e diventa un capolavoro. Gilligan arriva addirittura a sostenere che lo sciopero lo ha salvato dai suoi sprovveduti impulsi autodistruttivi. Breaking Bad è un perfetto esempio di narrazione infetta o larvale (discussa qui), dove le strutture narrative cedono per dar spazio alla luce dei personaggi.

~ di ariemma su settembre 9, 2014.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: