Gardner su Kiefer: una “clip” da Anatomia della bellezza

kiefer2

“Gardner su Kiefer: «Non riuscivo ad apprezzare quei paesaggi aridi – li trovavo brutti o, nel migliore dei casi, un commento alla bruttezza. Forse quelle opere potevano evocare come descrizione la parola timore, ma più nel senso dell’orrore che della riverenza. Però qualcosa in quelle opere mi ha spinto – o forse addirittura costretto – a tornare a visitarle. E ora apprezzo molto il lavoro di Kiefer. Farei di tutto (l’ho fatto) per andare a vedere un’istallazione delle sue opere. Le considero belle e ho quei brividi di piacere a dimostrarlo! Ovviamente non è cambiato Kiefer […], sono cambiato io».
Dalle parole di Gardner emergono delle cose estremamente rilevanti ai fini della nostra indagine: la bellezza artistica può facilmente deludere i nostri interessi consolidati che ci definiscono e tuttavia invita, al tempo stesso, a ritornare su questa delusione. L’opera, in questo caso, ci inviterebbe a rivisitarla e a prendere nota. Ritorniamo sull’opera, ma in realtà stiamo ritornando su noi stessi”. (Anatomia della bellezza, pp. 44-45)

~ di ariemma su febbraio 22, 2015.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: