2005. Fenomenologia dell’estremo. Heidegger, Rilke, Cézanne

fenomenologia_de_4f27b79d7649a
T. Ariemma, Fenomenologia dell’estremo. Heidegger, Rilke, Cézanne, 2005, pp. 132, ISBN 8884833906, euro 13.

Leggi QUI una recensione

ACQUISTALO

L’estremo designa in questa ricerca filosofica non un caso limite dell’esistere, ma la sua trama immanente, il suo essere già sempre linguaggio contaminato dalla sua espressione, di volta in volta singolare. L’estremo esprime l’intreccio tra senso e singolarità, il loro stato di grazia.
In un serrato confronto critico con l’opera di Heidegger, ma sottoponendo nello stesso tempo a una lettura decostruttiva anche le filosofie di Husserl e Bergson, il presente lavoro marca l’impossibilità della ricerca di un Senso assoluto in cui le singolarità restano ciò che lo deborda, ciò che vi resiste. Nell’arte, in particolare analizzando l’opera di Rilke, Rodin, Cézanne e il loro singolare intreccio, ciò che sembra l’intangibile elemento dell’esistenza diviene cosa singolare, che, lungi dall’essere ridotta a mero fatto estetico, afferra la nostra singolarità e prospetta un’etica della dedizione e della restituzione.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: