Al mondo ci sono solo isole: una recensione sulla rivista “Dodici”

•gennaio 10, 2017 • Lascia un commento

rece-al-mondo-solo-isole

L’antifilosofia: intervista a Boris Groys

•gennaio 3, 2017 • Lascia un commento

boris groys[intervista apparsa su Artribune, consultabile anche qui]

Professor Groys, nei suoi testi parla di anti-filosofia: ce ne può dare una breve definizione? Quale relazione intercorre fra anti-filosofia e anti-arte?
Per molto tempo l’arte è stata considerata una manifestazione dell’idea eterna di Bellezza, mentre la filosofia era considerata una manifestazione della Ragione universale. Ma in seguito l’arte (in quanto anti-arte) ha iniziato a occuparsi di desiderio, sofferenza, distruzione, dinamismo, ma anche di vita quotidiana e noia ordinaria. Ugualmente il discorso filosofico ha cominciato a includere l’élan vital, il desiderio di morte, la noia profonda, l’estasi sacra, le strutture linguistiche, le forze produttive e altre cose simili. Questi sviluppi hanno implicato una critica delle tradizionali nozioni di filosofia e arte, ma hanno anche portato a un ampliamento degli ambiti artistico e filosofico. Continua a leggere ‘L’antifilosofia: intervista a Boris Groys’

La filosofia di Fichte e la serie tv The Young Pope

•gennaio 2, 2017 • Lascia un commento

Derrida e la domanda “che cos’è un’isola?” Una clip dal nuovo libro.

•dicembre 31, 2016 • Lascia un commento

derrida

11 dicembre 2002: il filosofo Jacques Derrida dà inizio a Parigi al suo seminario di lezioni. Sarà il suo ultimo seminario, prima di morire. Il tema ruota intorno alla questione: “che cos’è un’isola?”. Può apparire una domanda banale e dalla risposta molto semplice. Ma Derrida, da grande filosofo qual era, vedeva in questa domanda un enigma di non facile soluzione. Anche perché la questione diventa subito complicata e inquietante non appena seguiamo i suoi ragionamenti e ci interroghiamo con lui sul celebre brano di Rousseau, La quinta passeggiata. Secondo Derrida, Rousseau «Non dice solo che gli piace essere solo, che ama e sceglie la solitudine, o l’isolamento […], non dice solo di amare la solitudine e l’isolamento del passeggiatore solitario che si trova ad essere solo; no, Rousseau, dice anche, cosa diversa, che è “il solo” in questa situazione, quindi l’unico, singolare, singolare d’altro canto come l’isola di Saint-Pierre, solo ed eccezionale come l’ubicazione, come la posizione dell’isola di Saint-Pierre» .
Derrida sembra metterci in guardia da un pericolo che attraversa l’incarnare la dimensione dell’isola: quello del credersi “i soli”, di irrigidire la propria solitudine al punto da credere in una fantomatica “elezione”. (Al mondo ci sono solo isole. Filosofia dell’intensità, p. 53)

Giorgio Agamben: filosofia e poesia

•dicembre 18, 2016 • Lascia un commento

43c74-agamben

[intervista di Antonio Gnoli, apparsa su Repubblica e consultabile anche qui, sul percorso filosofico del pensatore italiano]

Giorgio Agamben ha scritto un bellissimo libro. I suoi libri sono sempre densi e tersi (e imprevedibili come quello dedicato recentemente a Pulcinella, edizioni Nottetempo). Hanno lo sguardo rivolto al passato remoto. È il solo modo per intensificare il presente. Prendete il suo ultimo lavoro Che cos’è la filosofia? (edito da Quodlibet), cosa nasconde una domanda apparentemente ovvia? “È mia convinzione” – dice Agamben – “che la filosofia non sia una disciplina, di cui sia possibile definire l’oggetto e i confini (come provò a fare Deleuze) o, come avviene nelle università, pretendere di tracciare la storia lineare e magari progressiva. La filosofia non è una sostanza, ma un’intensità che può di colpo animare qualunque ambito: l’arte, la religione, l’economia, la poesia, il desiderio, l’amore, persino la noia. Assomiglia più a qualcosa come il vento o le nuvole o una tempesta: come queste, si produce all’improvviso, scuote, trasforma e perfino distrugge il luogo in cui si è prodotta, ma altrettanto imprevedibilmente passa e scompare”.
Continua a leggere ‘Giorgio Agamben: filosofia e poesia’

Il progetto “Sfere”. Intervista a Peter Sloterdijk

•dicembre 18, 2016 • Lascia un commento

sloterdijk[Intervista del 1999 apparsa e consultabile anche qui]

di Nina Fürstenberg

Che rapporto c’è tra il programma di “Sfere ” e il suo precedente lavoro, “Critica della ragione cinica”?

La “Critica della ragion cinica” è un puntodi partenza relativamente remoto, risale ormai a quindici anni fa. In questo periodo il mio lavoro si è distanziato sempre più da un simile progetto di “filosofia della contestazione” ed è andato verso una sorta di teoria fondamentale di carattere storico e antropologico. Il progetto di “Sfere” è il tentativo di partire da una teoria dello spazio su basi psicanalitiche, o meglio da una teoria dello spazio interiore, per approdare a una concezione generale del mondo e della storia umana. In “Sfere” cerco di dimostrare che gli uomini sono esseri che derivano dall’interno. E’ un destino che condividiamo con gli altri mammiferi. Per questo mi rifaccio innanzi tutto alla costituzione dell’essere all’interno nella madre.

Continua a leggere ‘Il progetto “Sfere”. Intervista a Peter Sloterdijk’

Leibniz e Black Mirror

•dicembre 14, 2016 • Lascia un commento