La filosofia spiegata con le serie tv: rassegna stampa novembre-gennaio

•febbraio 1, 2018 • Lascia un commento

lucca3

Radio/video: Radio 2 (Girl Solving)RadiophonicaUniversità degli Studi di Perugia (Giurisprudenza) – The Philosophers

Stampa/web:  Robinson/La RepubblicaIl FoglioIl Sole 24 ore – La Gazzetta del Mezzogiorno –  OrticaLabDodici MagazineNewspamSatisfiction Il Quotidiano di PugliaLeggere tuttiBandadicefali

Rassegna stampa precedente:

Agosto-Ottobre

Luglio-Agosto

Annunci

La filosofia spiegata con le serie tv a Lecce per Città del Libro (Palazzo Turrisi e Circolo Arci Zei, 12 gennaio)

•gennaio 25, 2018 • Lascia un commento

Ancora conferme per la teoria esposta in Canone Inverso

•gennaio 7, 2018 • Lascia un commento

canone-mediaBlack-Mirror-Black-Musuem-600x885

In tempi non sospetti (nel volume Canone inverso, 2014) avevo proposto una “teoria generale dell’arte”, capace di spiegare tutte le forme di arte del presente. In particolare avevo visto nella nuova serialità televisiva una manifestazione di ciò che chiamavo “canone inverso”, ovvero del mix dei due generi maggiori in circolazione, arte di massa e arte contemporanea. Il primo basato sul flusso temporale (musica, letteratura, cinema), il secondo sull’archivio e la delocalizzazione (tipici del museo di arte contemporanea). Guardando l’ultimo episodio di Black Mirror, “Black Museum”, ho visto ancora più chiaramente la manifestazione del “canone inverso”. Le grandi serie tv, ovvero le grandi opere d’arte che superano l’opposizione arte di massa/arte contemporanea, sono anche grandi archivi, musei seriali.

Serie tv da non perdere: American Gods

•dicembre 30, 2017 • Lascia un commento

Le prime tre puntate non mi convincevano affatto, mi sembrava tutto grottesco e delirante. Ma le ultime due sono un capolavoro che riscattano tutta la serie, decisamente. “La scomparsa della primavera” è una scena meravigliosa.

american gods

A che cosa serve la filosofia?

•dicembre 30, 2017 • Lascia un commento

lamortedisocrate_david--400x300

Se c’è una domanda che mi ha irritato per anni, è stata sempre: “Ma a che cosa serve la filosofia?”.
Negli anni in cui non mi ha irritato, mi ha divertito: era un pungolo, un test, un invito per me a trovare sempre nuove risposte. Ho sempre risposto nei modi più diversi, fino alla risposta shock – da insegnante – ai genitori dei miei studenti: la filosofia serve a corrompere i giovani. Fino alla risposta seducente per i miei studenti: in pratica, la stessa adottata per i genitori. La ragione, in fondo, per cui fu messo a morte Socrate, il filosofo per eccellenza. Ci sono stati molti momenti, ripeto, in cui questa domanda mi ha dato solo fastidio. Perché non capivo il bisogno di filosofia che essa nascondeva. Che la filosofia dovesse servire, sembrava quasi un obbligo. Perché non si può vivere senza principi e la filosofia è l’arte di forgiare principi. Principi intesi nel senso più forte del termine: una guida, un riferimento, ma soprattutto un inizio, un innesco. Molto spesso le persone non desiderano altro che ricominciare a vivere e nuovi principi offrono proprio questa possibilità. Vogliamo essere contemporanei di un inizio e cominciare a pensare diversamente è anche cominciare a vivere diversamente.

tratto da “Niente resterà intatto”

La filosofia spiegata con le serie tv al Liceo Mangino di Pagani (15 dicembre)

•dicembre 24, 2017 • Lascia un commento

Serie tv da non perdere: The Leftovers

•dicembre 24, 2017 • Lascia un commento

Terminata da qualche mese, dopo solo tre stagioni, la serie di cui più mi piacerebbe  parlare in questo momento, di cui più mi piacerebbe scrivere, e che va a guadagnarsi un posto d’onore nel sequel del mio libretto rosso “la filosofia spigata con le serie tv” (Mondadori). Una delle serie migliori degli ultimi anni. Bellissima e commovente, con una colonna sonora unica (soprattutto nell’ultima stagione)

19780445_1291661350942247_5938385101125931615_o